Ginecologia dell’Infanza e dell’Adolescenza

La ginecologia dell’infanzia e dell’adolescenza si occupa di tutelare la salute e la “capacità riproduttiva” delle bambine e delle adolescenti.

Fare effettuare alle bambine o alle giovanissime visite specialistiche è ’ ritenuta prassi normale, ad esempio quella oculistica , odontoiatrica, oppure si pensi all’incontro con l’ortopedico per tematiche di postura e di sviluppo corretto della struttura ossea; è tuttora raro che i genitori pensino di includere tra le “visite di controllo” specialistiche anche quella con il ginecologo.

Capita ancora spesso invece, che l’adolescente ricorra, magari di nascosto dai genitori, al supporto di questo specialista più o meno all’epoca del primo rapporto sessuale. La necessità di una approfondita conoscenza della patologia ginecologica dell’infanzia e dell’adolescenza e una corretta diagnosi dei problemi va impostata correttamente già alla nascita.

È necessaria una precisa conoscenza della fisiopatologia dell’apparato genitale e della mammella dell’età infantile ed adolescenziale che non può prescindere da una continua attenzione alle profonde modificazioni che corpo e mente subiscono dalla nascita all’età adulta, in relazione alle possibili interferenze di fattori ambientali, socio-economici, culturali, psico-emotivi.

La ginecologia dell’infanzia e dell’adolescenza focalizza il suo intervento in un’ottica volta non solo a salvaguardare la funzione riproduttiva della giovane paziente, ma anche a prevenire quelle problematiche ginecologiche specifiche della donna in età adulta che spesso trovano radici nella patologia di questa fascia d’età.

Nella PRIMA INFANZIA l’apparato genitale della bambina può essere sede di affezioni varie:
- vulvo vaginiti, causa di prurito vulvare, leucorrea, disuria. frequenti perché la vulva è mal protetta, le piccole labbra sono di dimensioni minime e la mucosa vaginale povera di glicogeno perché non stimolata dagli estrogeni, è più facilmente esposta all’aggressione infettiva;
- infezioni vulvari batteriche e virali tipo, impetigo o condilomatosi;
- lesioni vulvari, come il lichem scleroso, causa di prurito, bruciore, perdite ematiche, macchie bianche, spesso screpolature; la coalescenza delle piccole labbra, molto frequente, secondaria in genere a una infiammazione delle piccole labbra.

Nella PUBERTÀ, le alterazioni più frequenti sono rappresentate da:
- pubertà precoce, comparsa dei caratteri sessuali secondari prima degli 8 anni.
- ritardo puberale, assenza di segni di pubertà a 15 anni, associati a turbe della crescita ossea.

Nell’ ADOLESCENZA, la patologia è nell’insieme, simile a quella riscontrata nella donna adulta
- disturbi mestruali, meno metrorragie (sanguinamento troppo abbondanti o troppo frequenti), dismenorrea, irregolarità del ciclo, amenorrea, ecc.
- infezioni genitali, cerviciti e vaginiti che devono essere energicamente trattate per evitare danni all’apparato riproduttivo.

L’ infanzia e l’ adolescenza sono fasi della vita delicate e ricche di problematiche che non sempre trovano una risoluzione all’interno del nucleo familiare ma che, viceversa, possono avere necessità di un supporto tecnico e specialistico  in un’ottica di prevenzione relativa non solo rispetto a potenziali malattie, asintomatiche,  ma anche riguardo a stili di vita che possono risultare dannosi e causa a loro volta di patologie specifiche.

Il ruolo del ginecologo è importante: lo specialista infatti, deve occuparsi non solo della diagnosi e della cura, laddove necessario, ma anche dedicare attenzione agli aspetti psicologici ed all’impatto che tali problematiche possano avere sulle piccole o giovani pazienti, in una fase della vita della donna caratterizzata da cambiamenti fisici e psichici, da un nuovo assetto ormonale e dalla consapevolezza delll’acquisizione della capacità riproduttiva.

Le tematiche da affrontare sono numerose: l’elenco comprende le anomalie della differenziazione sessuale, la pubertà precoce e la pubertà ritardata, le infezioni dell’apparato genitale, le irregolarità del ciclo mestruale, la dismenorrea, l’acne, l’irsutismo.

Sul terreno della prevenzione, gli argomenti spaziano dalle malattie sessualmente trasmissibili (MST), all’educazione ad un corretto stile di vita, all’informazione ed ai suggerimenti per le metodiche contraccettive per tutelare la salute fisica, riproduttiva e psicologica delle giovani pazienti.
I disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia) e le loro conseguenza sul ciclo mestruale, l’interruzione volontaria di gravidanza, la gravidanza in età adolescenziale, sono temi ancora più delicati affrontati dalla ginecologia per l’ adolescenza con la fondamentale collaborazione multidisciplinare che integra alle competenze mediche anche quelle degli psicologi.

Il periodo adolescenziale, fa riferimento a quel periodo transitorio, successivo all’età infantile e precedente all’età adulta, compreso a livello cronologico tra i 12 e i 20 anni e segna il passaggio tra l’immaturità fisica, sociale e sessuale dell’infanzia e la maturità, fisica sociale e sessuale, tipica dell’età adulta e in cui si costruisce la propria identità. I limiti d’età non possono essere considerati definitivi e precisi, di fatti ogni individuo, in base alla propria personalità, alle proprie caratteristiche e alle proprie esperienze di vita, può maturare in momenti diversi o comunque vivere in maniera personale il periodo adolescenziale.

L’adolescente richiede attenzione, accompagnata da quelle informazioni rispetto ai cambiamenti che l’adolescente vive e un’attenta sorveglianza da parte di genitori, insegnanti, educatori e specialisti. sia in termini preventivi che diagnostici: una valutazione attenta può evidenziare precocemente elementi di disturbo che, se trascurati, potrebbero determinare l’insorgenza di patologie difficilmente correggibili.

L’adolescente comincia a prendere consapevolezza e a familiarizzare con il proprio corpo “sessuato” e anche a conoscere e “incontrare” il corpo dell’altro. Nell’attenzione al corpo in trasformazione la dieta in questa età acquista una importanza significativa visto che spesso molte giovani si sottopongono a regimi dietetici carenti e arbitrari allo scopo di mantenere il loro fisico il più simile possibile a quell’ideale di riferimento proposto dalla società. Diete carenti o sbilanciate predispongono la ragazza a disturbi mestruali fino a compromettere la fertilità futura.

L’ inizio dell’attività sessuale determina una serie di rischi che vanno dalla possibile insorgenza di una gravidanza non desiderata, alla possibilità di contrarre infezioni trasmesse sessualmente.

Lo studio pertanto offre la possibilità di usufruire, nell’ambito anche dello stesso appuntamento, sia della consulenza ginecologica, sia di quella psicologica, nell’obiettivo di offrire all’adolescente che lo desideri uno spazio di riflessione, confronto, informazione tanto in ambito fisiologico, quanto in quello psicologico.

SERVIZI PER LA GINECOLOGIA DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA
 Visita ginecologica
 Studio dei disordini del ciclo mestruale in età adolescenziale
 Studio ecografico della pelvi in età pediatrica e adolescenziale
 Vulvovaginiti e patologia vulvare in età pediatrica e adolescenziale
 Diagnosi delle alterazioni del ciclo mestruale in età adolescenziale (sanguinamenti irregolari, abbondanti, anomali, assenza delle mestruazioni, amenorree secondarie)
 Consulenza sui metodi contraccezione
 Dismenorrea, sindrome premestruale
 Iperandrogenismi ed irsutismo
 Diagnosi e prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale
 Disturbi del comportamento alimentare
 Vaccini di prevenzione nell’età adolescenziale
 Consulenza di psicologia

© Copyright 2014 - Dr Paolo Visci - Viale la figlia di Jorio 10 – 65129 Pescara | Cell. +39.3356197077 ǀ info@paolovisci.it ǀ P.I. 00941550683